Scommettere sui talenti del dipartimento Seine-Saint-Denis

LE COMUNITÀ

Scommettere sui talenti del dipartimento Seine-Saint-Denis

Considerando sia Pantin che Bobigny, i poli produttivi di Hermès hanno una superficie di 100.000 m² e impiegano 2000 collaboratori. Nell'arco di dieci anni, il numero di dipendenti è raddoppiato. Tra i fattori che rendono attrattivo questo territorio, c’è un vivaio di talenti che è necessario valorizzare il più possibile. Hermès, che punta su un approccio di radicamento territoriale, opera, insieme ai comuni e alle realtà economiche locali tra cui Réseau Entreprendre 93, in un contesto di disoccupazione elevata.

Trasferimento dei laboratori di pelletteria di rue du Faubourg Saint-Honoré nel 1992, inaugurazione della Cité des métiers e dei suoi giardini; ma anche, nel 2013, apertura di una palestra e di un asilo nido con alcuni posti riservati ai residenti e, due anni dopo, varo dello spazio Jean-Louis Dumas, un edificio dedicato alla formazione o ancora, due volte all’anno, visita delle collezioni della maison da parte di acquirenti provenienti da tutto il mondo… Per gli abitanti di Pantin, ignorare la vicinanza di Hermès è semplicemente impossibile. La maison partecipa, insieme ad altre grandi aziende, al rinnovamento economico di questa ex città operaia.

Stabilimenti Cartier-Bresson e Suzor a Pantin - Circa 1906 Archivi municipali di Pantin - 2Fi/220

Hermès, oltre a rappresentare uno dei maggiori datori di lavoro nel dipartimento Seine-Saint-Denis, si attiva per la promozione dei talenti, realizzando numerose iniziative in questo territorio. Dei 2000 dipendenti di Seine-Saint-Denis, 400 vivono nel dipartimento. Un numero destinato a crescere, in particolare grazie ai numerosi incontri con i candidati organizzati dal Centro per l’impiego di Pantin.

Hermès è entrato a far parte dell’associazione Réseau Entreprendre 93 fin dal 2003, anno della sua creazione. Il gruppo partecipa, insieme agli altri membri, alla selezione e al sostegno finanziario e organizzativo di progetti accomunati da un notevole potenziale nella creazione di nuovi impieghi. Il risultato? In sedici anni, 175 nuove aziende hanno creato 1700 posti di lavoro, con storie di successo tra cui ad esempio La Barbière di Parigi, l’École du Numérique Simplon, il T-shirt Corner, i campi di pallacanestro Hoops Factory o ancora le pareti di arrampicata Arkose. Con il passare degli anni, i legami con Hermès si sono consolidati. Attualmente, una decina di collaboratori è impegnata nella consulenza ai giovani talenti coltivati da Réseau Entreprendre 93.

A Pantin, la maison ha contribuito anche alla vita del comune, creando la Maison Revel, un centro per la promozione delle professioni dell’arte e del design, o ancora un “laboratorio dei mestieri” presso il Centro dell’impiego.

Axel Dumas, amministratore delegato di Hermès, ha rafforzato questa collaborazione firmando, nel 2017, una carta Azienda-territorio con Est Ensemble. Questa rete di nove comuni comprende Pantin e Bobigny, in cui Hermès è presente. Uno degli obiettivi del gruppo è rafforzare ulteriormente la partecipazione dell’azienda allo sviluppo economico e all’occupazione locale.

«Hermès rappresenta il nostro sostenitore principale, non solo perché è membro dell’associazione fin dalla sua creazione, ma anche per il numero di collaboratori coinvolti. Il suo ruolo non si limita al consueto affiancamento da parte di un'azienda concentrata sulla creazione di nuove aziende ma ha un respiro decisamente maggiore. Le competenze fornite in vari ambiti, tra cui ad esempio la comunicazione o la logistica, permettono di affrontare problematiche varie e complesse. Con Hermès, desideriamo estendere ulteriormente questo mecenatismo di competenze a tutti coloro che desiderano farne parte.»​

Léa Pons, direttrice dell’associazione Réseau Entreprendre 93

Vincitori 2017 del premio Réseau Entreprendre 93 © Erwann Masson


Scopri anche
 

  • Sulla via della seta di Hermès

    Nel Rhône-Alpes, una decina di società in crescita sotto l’ala di Hermès, custodisce una miriade di saperi. In gran parte unici nel loro genere, si rivelano nelle collezioni della maison e sono apprezzati dai clienti di tutto il mondo.
  • Sulla via della seta di Hermès: l’incisione

    Dal Jeu des omnibus et dames blanches, creato nel 1937 da Robert Dumas e precursore di una lunga stirpe di foulard Hermès, i carré di twill hanno sempre visto la luce nei laboratori della regione di Lione. La maison investe nello sviluppo di antichi know-how, forniti al suo polo tessile da partner di lunga data.
     
  • Sulla via della seta di Hermès: la stampa

     
    Hermès diventa il primo cliente degli Ateliers A.S. negli anni ‘60 e l'azionista principale nel 1987. Con un macchinario industriale unico al mondo, questo stampatore tessile situato a Pierre-Bénite rappresenta molto più di un semplice passaggio obbligato per il carré. I suoi artigiani sono i maestri dei colori dal 1948: li combinano, li preparano e infine li depongono sul quadro, su lunghi rulli di seta grezza.
     

La nostra impronta su...

  • Les femmes et les hommes

    Hermès impiega 13.500 uomini e donne, 4.500 dei quali artigiani, la professione più rappresentata nella maison. Questo paese della manualità si trasforma e si amplia costantemente. Formare, trasmettere, sviluppare, garantire benessere, salute, solidarietà... La nostra ambizione è quella di sostenere la piena realizzazione di ogni individuo.
  • The Planet

    Hermès si impegna a sublimare, con una ventina di professioni, i più bei materiali offerti dalla natura. Pelle, seta, stoffe, legno, cristallo, metalli preziosi: ogni materiale viene rispettato dai gesti sapienti dei nostri artigiani. Preservare, ottimizzare, rivalorizzare, tracciare... Abbiamo il dovere di utilizzare queste risorse in modo sostenibile.
  • The communities

    Hermès possiede 41 manifatture in Francia, su un totale di 52, e annovera più di 300 negozi in tutto il mondo. La prossimità con i fornitori, i partner e i territori si coltiva sul campo. Fertilizzare, tessere reti, rinnovare, impegnarsi... Il nostro ruolo di azienda impegnata nella collettività consiste nel creare legami sostenibili.