I laboratori di Fitilieu, un luogo di formazione sperimentale | Hermes

GLI UOMINI E LE DONNE

I laboratori di Fitilieu :
un luogo di formazione sperimentale

In linea con l’Accord handicap, un accordo per promuovere l’integrazione professionale delle persone con disabilità, firmato da Hermès nel 2017, l’accessibilità all’apprendimento del mestiere di sellaio-pellettiere è stata un punto chiave fin dalla fase di progettazione dei laboratori di Fitilieu, inaugurati a giugno 2019.
Essere artigiani in Hermès significa formarsi per tutta la vita. I sellai-pellettieri che insegnano la lavorazione del cuoio presso il nuovo centro di formazione di Hermès, situato nel comune di Abrets en Dauphiné, nel nord del dipartimento dell’Isère, non potranno che confermarlo. Tuttavia, alcuni di loro hanno scelto di intraprendere una formazione un po’ insolita per il loro mestiere: studiano la lingua dei segni, un percorso di studi che dura quattro anni.
L’obiettivo? Facilitare la comunicazione con le persone audiolese o sorde, per poterle accogliere come qualsiasi altro talento che passa dai laboratori, prima del loro inserimento in una delle tre manifatture del polo Savoie-Dauphiné (Abrets en Dauphiné nel dipartimento dell’Isère, Belley in quello dell’Ain e Aix-les-Bains nell’Alta Savoia).
Questa iniziativa riflette l’impegno della scuola aziendale di Hermès per la creazione di programmi sperimentali nell’ambito della formazione di persone con disabilità. L’ambizione è quella di costruire, nel corso del tempo, programmi pedagogici su misura, al fine di facilitare, ad esempio, l’apprendimento delle persone con disturbi specifici di apprendimento come dislessia, disortografia, ecc.
Il nuovo stabilimento è stato progettato anche per facilitare l’accesso e la circolazione degli allievi a mobilità ridotta, spingendosi persino oltre gli obblighi di legge.
Parallelamente alla formazione condotta dall’Urapeda (l’Unione regionale delle associazioni di genitori con figli con deficit uditivi) volta a migliorare la comunicazione con i sordi e gli ipoudenti, tutti i formatori del sito sono stati sensibilizzati sulle diverse disabilità, visibili e non, anche dalla società JLO, esperta in consulenza per la qualità della vita lavorativa.
Per l’identificazione dei candidati, i laboratori di Fitilieu si avvalgono di collaborazioni con le sedi locali di Ohé Prométhée, un’associazione che si propone di favorire l’inserimento delle persone con disabilità in ambienti di lavoro ordinari, e del Groupement d’employeurs travailleurs handicapés (Associazione di datori di lavoro per l’impiego di persone con disabilità).
Si prospetta così un’apertura verso una maggiore diversità per i laboratori, che formano 80 persone all’anno nel corso di una formazione iniziale o continua, e un aumento del personale nel polo della pelletteria del Savoie-Dauphiné. Quest’ultimo dovrebbe infatti passare da 750 collaboratori alla fine del 2018 a 850 nei prossimi tre o quattro anni.

 

Scopri anche

 
 
 
  • La scuola della pelle, una trasmissione di valori e di saperi

    Lo sviluppo di Hermès nel settore della pelle va di pari passo con un sistema di formazione comune, che collega vari percorsi di artigiani e laboratori di pelletteria situati un po’ ovunque in Francia.
     
  • Tandem, dieci anni di apertura mentale

    Alla fine del 2008, un artigiano della pelletteria di Sayat abbandonava i suoi attrezzi e il Puy-de-Dôme per trascorrere una settimana dietro a un banco, accanto a un venditore del negozio parigino di rue du Faubourg Saint-Honoré. Fu così che nacquero gli scambi Tandem.
     
  • La manualità: il marchio di fabbrica del talento

    Un balletto di agili dita fa danzare gli strumenti da taglio e da banco di lavoro nelle pelletterie. Hermès accoglie la diversità delle età e delle esperienze professionali. Testata con il centro per l’impiego francese Pôle emploi, la manualità, qui, ha la meglio sulla formazione iniziale. Insieme al rispetto del tempo, è questo il segreto più importante della fabbricazione degli oggetti.
     

La nostra impronta su...

  • Les femmes et les hommes

    Hermès impiega 13.500 uomini e donne, 4.500 dei quali artigiani, la professione più rappresentata nella maison. Questo paese della manualità si trasforma e si amplia costantemente. Formare, trasmettere, sviluppare, garantire benessere, salute, solidarietà... La nostra ambizione è quella di sostenere la piena realizzazione di ogni individuo.
  • The Planet

    Hermès si impegna a sublimare, con una ventina di professioni, i più bei materiali offerti dalla natura. Pelle, seta, stoffe, legno, cristallo, metalli preziosi: ogni materiale viene rispettato dai gesti sapienti dei nostri artigiani. Preservare, ottimizzare, rivalorizzare, tracciare... Abbiamo il dovere di utilizzare queste risorse in modo sostenibile.
  • The communities

    Hermès possiede 41 manifatture in Francia, su un totale di 52, e annovera più di 300 negozi in tutto il mondo. La prossimità con i fornitori, i partner e i territori si coltiva sul campo. Fertilizzare, tessere reti, rinnovare, impegnarsi... Il nostro ruolo di azienda impegnata nella collettività consiste nel creare legami sostenibili.