Global Compact, codice di condotta internazionale | Hermes

IL PIANETA

Global Compact, codice di condotta internazionale

Rispetto dei diritti umani, delle norme internazionali di lavoro, salvaguardia dell'ambiente e lotta alla corruzione... Le responsabilità dei partecipanti al Global Compact si fondano sulla dichiarazione universale dei diritti umani, la dichiarazione dell'ILO sui principi e i diritti fondamentali nel lavoro, la dichiarazione di Rio sull’ambiente e lo sviluppo e la Convenzione delle Nazioni Unite contro la corruzione.
 
In un'economia globalizzata, come deve comportarsi un’azienda cittadina del mondo per dare il suo contributo allo sviluppo sostenibile del pianeta? È partendo da questa domanda che, nel 2000, Kofi Annan ha avviato l’iniziativa internazionale Global Compact delle Nazioni Unite. Per inserirsi in questo contesto universale, non è sufficiente aderire ai dieci principi base da rispettare in materia di diritti umani, norme internazionali di lavoro, ambiente e lotta alla corruzione. Questo impegno volontario rappresenta anche una strategia di progresso. Una volta all’anno, i partecipanti al Global Compact devono descrivere nella Communication on Progress (COP, o comunicazione annuale) il modo in cui applicano tali valori nei confronti delle persone e del pianeta, nei luoghi in cui svolgono le loro attività. Carte etiche, codici di buona condotta aziendali, organizzazione del dialogo sociale, politica delle risorse umane, comitati di monitoraggio interni, audit e altre azioni: Hermès analizza le sue buone pratiche con una griglia di 21 criteri, un livello di reporting detto “GC-Advanced”. Le Nazioni Unite ritengono che le aziende traggano un notevole vantaggio dall’integrazione dei dieci principi del Global Compact nelle loro strategie, politiche e procedure. In questo modo possono infatti gettare le basi per il loro sviluppo sostenibile e per quello del pianeta.


Scopri anche
 

  • Elettricità francese “verde”

    Desiderosa di dare il suo contributo alla transizione energetica avviata dall’accordo di Parigi (COP21) Hermès sceglie le energie rinnovabili per il suo consumo di elettricità in Francia.
     
  • Act4nature: agire per la biodiversità

    Con la diminuzione della diversità, sia sulla terra che negli oceani, il mondo vivente perde irrimediabilmente una parte di ricchezza e di colore. Specie e geni si estinguono per sempre. In Francia, 65 aziende tra cui Hermès, si attivano nell’ambito dell’iniziativa act4nature. 
     
  • Africa-twix, per difendere le specie protette

    Con il supporto della Fondation d’entreprise Hermès, cinque paesi collaborano al programma Traffic dell’ONG WWF per la lotta contro il traffico di specie selvatiche protette del bacino del Congo.
     

La nostra impronta su...

  • Les femmes et les hommes

    Hermès impiega 13.500 uomini e donne, 4.500 dei quali artigiani, la professione più rappresentata nella maison. Questo paese della manualità si trasforma e si amplia costantemente. Formare, trasmettere, sviluppare, garantire benessere, salute, solidarietà... La nostra ambizione è quella di sostenere la piena realizzazione di ogni individuo.
  • The Planet

    Hermès si impegna a sublimare, con una ventina di professioni, i più bei materiali offerti dalla natura. Pelle, seta, stoffe, legno, cristallo, metalli preziosi: ogni materiale viene rispettato dai gesti sapienti dei nostri artigiani. Preservare, ottimizzare, rivalorizzare, tracciare... Abbiamo il dovere di utilizzare queste risorse in modo sostenibile.
  • The communities

    Hermès possiede 41 manifatture in Francia, su un totale di 52, e annovera più di 300 negozi in tutto il mondo. La prossimità con i fornitori, i partner e i territori si coltiva sul campo. Fertilizzare, tessere reti, rinnovare, impegnarsi... Il nostro ruolo di azienda impegnata nella collettività consiste nel creare legami sostenibili.