La manualità: il marchio di fabbrica del talento | Hermes

GLI UOMINI E LE DONNE

La manualità: il marchio di fabbrica del talento

Un balletto di agili dita fa danzare gli strumenti da taglio e da banco di lavoro nelle pelletterie. Hermès accoglie la diversità delle età e delle esperienze professionali. Testata con il centro per l’impiego francese Pôle emploi, la manualità, qui, ha la meglio sulla formazione iniziale. Insieme al rispetto del tempo, è questo il segreto più importante della fabbricazione degli oggetti.
Una fioraia, un militare paracadutista, un parrucchiere, una maestra, uno scultore su pietra, un’assistente di infanzia, un filosofo o un manager… Questo improbabile elenco dà un’idea dei profili atipici che, da qualche anno, fanno parte dei mestieri della pelle da Hermès. Per rendere accessibili i mestieri del taglio e dell’artigianato a tutti i candidati desiderosi di servirsi della loro manualità, sono stati istituiti con pôle emploi dei test pratici a livello locale. L’identità, l’esperienza pregressa o l’età non contano. L’abilità e la capacità di apprendimento sono le uniche carte vincenti del candidato. Questo metodo di selezione per simulazione (méthode de recrutement par simulation - MRS) presuppone una sorta di autoanalisi. Quali gesti vengono praticati e come? Da questa riflessione, è scaturito un ricco elenco di competenze essenziali per Hermès nei mestieri di riferimento. Sette abilità di base vengono valutate nell’arco di mezza giornata. In tal modo, verrà testata la capacità a sapersi orientare e a superare i naturali difetti del pellame. O la precisione necessaria nell’arte della cordonatura, essenziale per uniformare i bordi di una borsa. Il MRS, una delle tre o quattro fasi di selezione per entrare a far parte della pelletteria Hermès, mette in luce la meticolosità del sellaio e rivela futuri talenti.


Scopri anche
 

  • Tra i fili dorati della porcellana

    Fra le arti che decorano la ceramica, l’applicazione di un filetto su una porcellana è una delle più delicate. Nei laboratori Hermès di Nontron, è necessario sapersi destreggiare fra ciotole, grandi vasi, piatti, vassoi e zuppiere. Otto artigiani specializzati in filettatura e doratura, perpetuano questo know-how decorando le porcellane a mano, con un pennello a spada imbevuto d’oro, di platino o di colore.
     
  • Corpi all’opera

    Da quindici a venti ore di lavoro per una borsa, venticinque ore per una sella: i gesti richiesti dalla lavorazione sono molto impegnativi. Tuttavia, ci sono semplici accorgimenti che possono aiutare gli artigiani a mantenere il cuore e il corpo all’opera.
     
  • Collezione Impronte sul mondo

    Si riconoscono dalla blusa bianca, da cui il soprannome di “blouse brothers”. Sono i fratelli Prudhomme, Lionel e André, caporeparto nel laboratorio di pelletteria di Pantin. Ma più dell’abbigliamento, sono i gesti affinati in quarant’anni alla maison che li hanno trasformati in mentori dalle parole preziose e dallo sguardo attento al minimo dettaglio. Sono loro che trasmettono agli artigiani delle pelle i segreti per finiture impeccabili e i requisiti per una borsa perfetta.