Corpi all’opera

GLI UOMINI E LE DONNE

Corpi all’opera

Da quindici a venti ore di lavoro per una borsa, venticinque ore per una sella: i gesti richiesti dalla lavorazione sono molto impegnativi. Tuttavia, ci sono semplici accorgimenti che possono aiutare gli artigiani a mantenere il cuore e il corpo all’opera.
L’essere umano è un essere in movimento, in particolare se è un artigiano. Un’immersione nel laboratorio lo dimostra: la mano e la parte alta del corpo sono impegnate dall’inizio alla fine della realizzazione di un oggetto. Posizionando dei sensori all’altezza di collo, spalle, gomiti, polsi e dorso, è possibile individuare e quantificare l’incidenza della ripetizione di alcuni movimenti e posture sulla comparsa di patologie delle articolazioni. Si potrà così definire la necessaria preparazione mentale e fisica. 
Questa analisi ha portato alla creazione di workshop ludici di quattro ore chiamati “Un corpo per la vita” che prevedono un programma formativo e di prevenzione dei disturbi muscolo-scheletrici. Alcuni chinesiterapeuti illustrano una serie di accorgimenti salutari da mettere in atto nella vita di tutti i giorni. Talvolta si dimentica che la posizione ideale è quella che si cambia spesso. O che la sedia migliore è quella da cui ci si alza. Questa strategia di prevenzione, rivolta a tutte le professioni della pelle e a tutte le manifatture, viene completata da percorsi individuali per coloro che soffrono di dolori e disturbi di maggiore entità. Poiché il corpo è fatto per essere in movimento, e per restare in movimento.
 

Scopri anche

 
  • Tandem, dieci anni di apertura mentale

    Alla fine del 2008, un artigiano della pelletteria di Sayat abbandonava i suoi attrezzi e il Puy-de-Dôme per trascorrere una settimana dietro a un banco, accanto a un venditore del negozio parigino di rue du Faubourg Saint-Honoré. Fu così che nacquero gli scambi Tandem. 
     
  • Dexterity, the trade secret of talent

    Un balletto di agili dita fa danzare gli strumenti da taglio e da banco di lavoro nelle pelletterie. Hermès accoglie la diversità delle età e delle esperienze professionali. Testata con il centro per l’impiego francese Pôle emploi, la manualità, qui, ha la meglio sulla formazione iniziale. Insieme al rispetto del tempo, è questo il segreto più importante della fabbricazione degli oggetti.
     
  • Tra i fili dorati della porcellana

    Fra le arti che decorano la ceramica, l’applicazione di un filetto su una porcellana è una delle più delicate. Nei laboratori Hermès di Nontron, è necessario sapersi destreggiare fra ciotole, grandi vasi, piatti, vassoi e zuppiere. Otto artigiani specializzati in filettatura e doratura, perpetuano questo know-how decorando le porcellane a mano, con un pennello a spada imbevuto d’oro, di platino o di colore.
     

La nostra impronta su...

  • Les femmes et les hommes

    Hermès impiega 13.500 uomini e donne, 4.500 dei quali artigiani, la professione più rappresentata nella maison. Questo paese della manualità si trasforma e si amplia costantemente. Formare, trasmettere, sviluppare, garantire benessere, salute, solidarietà... La nostra ambizione è quella di sostenere la piena realizzazione di ogni individuo.
  • The Planet

    Hermès si impegna a sublimare, con una ventina di professioni, i più bei materiali offerti dalla natura. Pelle, seta, stoffe, legno, cristallo, metalli preziosi: ogni materiale viene rispettato dai gesti sapienti dei nostri artigiani. Preservare, ottimizzare, rivalorizzare, tracciare... Abbiamo il dovere di utilizzare queste risorse in modo sostenibile.
  • The communities

    Hermès possiede 41 manifatture in Francia, su un totale di 52, e annovera più di 300 negozi in tutto il mondo. La prossimità con i fornitori, i partner e i territori si coltiva sul campo. Fertilizzare, tessere reti, rinnovare, impegnarsi... Il nostro ruolo di azienda impegnata nella collettività consiste nel creare legami sostenibili.