La pelle, un materiale prezioso | Hermes

IL PIANETA

La pelle, un materiale prezioso

Borse, selle, guanti, suole, cinture... La produzione di questi oggetti Hermès sarebbe impossibile senza la pelle. Ma non sempre questo materiale prezioso è usato nella sua interezza. Gli artigiani e i designer della maison immaginano quindi nuove soluzioni per ridurre e valorizzare i ritagli.
Al loro arrivo nei laboratori, le pelli vengono analizzate e selezionate con cura. La loro grana e il loro colore coesisteranno in ogni oggetto, ne definiranno l’uso quotidiano, susciteranno il desiderio di utilizzarlo per tutta la vita. Quando arriva la fase del taglio, grazie alla maestria della pratica artigianale, si attuano tutte le tecniche possibile per ridurre al minimo gli scarti. Ma malgrado tutto, eliminarli completamente è impossibile. Allora che ne è dei ritagli? Diventano materia prima per nuove idee.
Niente viene abbandonato, tutti cominceranno una nuova vita. Uno diventerà un portacarte, l’altro si trasformerà nel manico di un ciottolo fermaporte. Anche i pezzetti di pelle più piccoli, chiamati “squelettes”, avranno un’utilità. Saranno inviati al sito produttivo, la filiera della maison in cui verranno valorizzati da partner del marchio.
Rondelle, strisce e altri pezzi di pelle, vengono recuperati da petit h, un laboratorio creativo al quale collaborano artigiani, artisti e designer. Un’opportunità per sperimentare senza vietarsi nulla. Da Hermès, il rompicapo per l’ottimizzazione della pelle si è trasformato così in un invito a ri-creare e in un vivaio di inventiva.

Scopri anche

  • Un approccio locale con il Livelihoods Carbon Fund

    E se l’avvenire del clima si giocasse in un remoto villaggio del Kenya, dell’Indonesia o del Perù invece che nei vertici internazionali? I fondi carbone Livelihoods privilegiano questo tipo di approccio sul campo.
     
  • La scatola arancione è ricca di risorse

    Rotonda, rettangolare o quadrata, custodisce cravatte, cappelli, stivali, piatti, gioielli o borse. Non rimangono che i mobili, impossibili da farvi entrare. La scatola arancione è fabbricata in Francia da sette scatolifici.
     
  • Diamanti etici certificati

    Dall'estrazione nelle miniere alla vendita dei gioielli nei negozi Hermès, la filiera di diamanti della maison è armonizzata con l’accordo internazionale di certificazione Kimberley Process.
     

La nostra impronta su...

  • Les femmes et les hommes

    Hermès impiega 13.500 uomini e donne, 4.500 dei quali artigiani, la professione più rappresentata nella maison. Questo paese della manualità si trasforma e si amplia costantemente. Formare, trasmettere, sviluppare, garantire benessere, salute, solidarietà... La nostra ambizione è quella di sostenere la piena realizzazione di ogni individuo.
  • The Planet

    Hermès si impegna a sublimare, con una ventina di professioni, i più bei materiali offerti dalla natura. Pelle, seta, stoffe, legno, cristallo, metalli preziosi: ogni materiale viene rispettato dai gesti sapienti dei nostri artigiani. Preservare, ottimizzare, rivalorizzare, tracciare... Abbiamo il dovere di utilizzare queste risorse in modo sostenibile.
  • The communities

    Hermès possiede 41 manifatture in Francia, su un totale di 52, e annovera più di 300 negozi in tutto il mondo. La prossimità con i fornitori, i partner e i territori si coltiva sul campo. Fertilizzare, tessere reti, rinnovare, impegnarsi... Il nostro ruolo di azienda impegnata nella collettività consiste nel creare legami sostenibili.