Saint-Junien, la rivoluzione dei guanti | Hermès

LE COMUNITÀ

Saint-Junien, la rivoluzione dei guanti

La concorrenza e l’evoluzione del consumo hanno modificato profondamente la storia dei guanti francesi, nati nel Medioevo nel cuore delle regioni dedite all’allevamento. 
Situata nella regione della Haute-Vienne, questa antica cooperativa tramanda il suo know-how dal 1919 e dal 1981 fa parte dei fornitori di Hermès. Nel 1998, quando il gruppo acquisisce la guanteria, quest’ultima impiega circa sessanta persone, la metà delle quali lavora a domicilio. Vent’anni dopo, il trasferimento dal modesto laboratorio nel centro della città a un antico lanificio, simboleggia un nuovo slancio. 
Oltre ai circa 50 guantai, si sono aggiunti 54 artigiani specializzati in piccola pelletteria. Dal 2016, i portafogli si aggiungono ai guanti prodotti secondo la tradizione del “sistema Jouvin”. Questo guantaio di Grenoble ha innovato profondamente la guanteria francese, in particolare con un brevetto del 1834, la “mano di ferro”, una fustella utilizzata per il taglio. Ancora oggi, questo brevetto è uno dei segreti custoditi dal guanto di Saint-Junien.


Scopri anche
 

  • Aziende del Patrimonio Vivente al passo con i tempi

    Lavorano con maestria il cristallo o l’argento, domano la pelle, sublimano le stoffe, stampano la ceramica. Circa dodici società di Hermès possono fregiarsi del marchio di Entreprise du Patrimoine Vivant (Azienda del Patrimonio Vivente). Questo riconoscimento è sinonimo di tecniche di eccellenza, brevetti e archivi straordinari, e radicamento antico nel territorio. Questo vivaio di aziende è soprattutto un riferimento a livello di innovazioni.
     
  • Montbron, dalla pantofola charentaise alla borsa Hermès

    Il fiume Tardoire si snoda fra i prati, le mucche Limousine pascolano pigramente. In uno scenario da cartolina, Montbron era destinata all’oblio. L’insediamento del laboratorio di pelletteria Hermès ha creato più di 250 posti di lavoro che hanno contribuito a ridare dinamismo a questo comune della Charente.
     
  • Una seta dalla fibra generosa

    Un carré Hermès, è molto più di un foulard, soprattutto quando diventa solidale. Per sostenere l’azione di associazioni locali, vengono proposte regolarmente delle serie limitate.
     

La nostra impronta su...

  • Les femmes et les hommes

    Hermès impiega 13.500 uomini e donne, 4.500 dei quali artigiani, la professione più rappresentata nella maison. Questo paese della manualità si trasforma e si amplia costantemente. Formare, trasmettere, sviluppare, garantire benessere, salute, solidarietà... La nostra ambizione è quella di sostenere la piena realizzazione di ogni individuo.
  • The Planet

    Hermès si impegna a sublimare, con una ventina di professioni, i più bei materiali offerti dalla natura. Pelle, seta, stoffe, legno, cristallo, metalli preziosi: ogni materiale viene rispettato dai gesti sapienti dei nostri artigiani. Preservare, ottimizzare, rivalorizzare, tracciare... Abbiamo il dovere di utilizzare queste risorse in modo sostenibile.
  • The communities

    Hermès possiede 41 manifatture in Francia, su un totale di 52, e annovera più di 300 negozi in tutto il mondo. La prossimità con i fornitori, i partner e i territori si coltiva sul campo. Fertilizzare, tessere reti, rinnovare, impegnarsi... Il nostro ruolo di azienda impegnata nella collettività consiste nel creare legami sostenibili.