Tra i fili dorati della porcellana | Hermes

GLI UOMINI E LE DONNE

Tra i fili dorati della porcellana

Fra le arti che decorano la ceramica, l’applicazione di un filetto su una porcellana è una delle più delicate. Nei laboratori Hermès di Nontron, è necessario sapersi destreggiare fra ciotole, grandi vasi, piatti, vassoi e zuppiere. Otto artigiani specializzati in filettatura e doratura, perpetuano questo know-how decorando le porcellane a mano, con un pennello a spada imbevuto d’oro, di platino o di colore.
Fluido come l’acqua, sottile come un capello o a creare una fascia più larga, il filetto cattura la luce e fa vibrare la porcellana. Prima di risplendere su una tavola, i pezzi di porcellana fabbricati a Limoges vengono decorati a mano, cotti nuovamente e poi sabbiati a Nontron, in Dordogna. La Compagnie des arts de la table et de l’émail (Cate) è specializzata nella filettatura con oro o platino, nonché nella filettatura di colore. Otto dei 150 artigiani padroneggiano questa tecnica utilizzando pennelli di scoiattolo grigio. 
Le due mani devono lavorare in modo indipendente. Non solo centrare una porcellana circolare su un tornio è difficile, ma bisogna anche essere in grado di farla girare con una mano e con la precisione di un metronomo, mentre l’altra mano appoggia il pennello a spada sul bordo del pezzo per realizzare un tratto del medesimo spessore su tutto il contorno. Un processo completato dalla cottura e dalla levigatura, che riveleranno pienamente tutta la brillantezza dei metalli preziosi o del colore.

Scopri anche
 

  • Tandem, dieci anni di apertura mentale

    Alla fine del 2008, un artigiano della pelletteria di Sayat abbandonava i suoi attrezzi e il Puy-de-Dôme per trascorrere una settimana dietro a un banco, accanto a un venditore del negozio parigino di rue du Faubourg Saint-Honoré. Fu così che nacquero gli scambi Tandem. 
     
  • La manualità:
    il marchio di fabbrica del talento

    Un balletto di agili dita fa danzare gli strumenti da taglio e da banco di lavoro nelle pelletterie. Hermès accoglie la diversità delle età e delle esperienze professionali. Testata con il centro per l’impiego francese Pôle emploi, la manualità, qui, ha la meglio sulla formazione iniziale. Insieme al rispetto del tempo, è questo il segreto più importante della fabbricazione degli oggetti.
     
  • Collezione Impronte sul mondo 

    Si riconoscono dalla blusa bianca, da cui il soprannome di “blouse brothers”. Sono i fratelli Prudhomme, Lionel e André, caporeparto nel laboratorio di pelletteria di Pantin. Ma più dell’abbigliamento, sono i gesti affinati in quarant’anni alla maison che li hanno trasformati in mentori dalle parole preziose e dallo sguardo attento al minimo dettaglio. Sono loro che trasmettono agli artigiani delle pelle i segreti per finiture impeccabili e i requisiti per una borsa perfetta.
     

La nostra impronta su...

  • Les femmes et les hommes

    Hermès impiega 13.500 uomini e donne, 4.500 dei quali artigiani, la professione più rappresentata nella maison. Questo paese della manualità si trasforma e si amplia costantemente. Formare, trasmettere, sviluppare, garantire benessere, salute, solidarietà... La nostra ambizione è quella di sostenere la piena realizzazione di ogni individuo.
  • The Planet

    Hermès si impegna a sublimare, con una ventina di professioni, i più bei materiali offerti dalla natura. Pelle, seta, stoffe, legno, cristallo, metalli preziosi: ogni materiale viene rispettato dai gesti sapienti dei nostri artigiani. Preservare, ottimizzare, rivalorizzare, tracciare... Abbiamo il dovere di utilizzare queste risorse in modo sostenibile.
  • The communities

    Hermès possiede 41 manifatture in Francia, su un totale di 52, e annovera più di 300 negozi in tutto il mondo. La prossimità con i fornitori, i partner e i territori si coltiva sul campo. Fertilizzare, tessere reti, rinnovare, impegnarsi... Il nostro ruolo di azienda impegnata nella collettività consiste nel creare legami sostenibili.