Il viaggio di una scatola arancione | Hermès

Il viaggio di una scatola arancione

Visita il mondo incantato di Alice Charbin, illustratrice, narratrice e complice di Hermès.

La vita in arancione di Alice Charbin

Dal 2002, l’illustratrice Alice Charbin veste d’arancione le pagine digitali della maison. I suoi disegni briosi e poetici hanno messo in scena le innumerevoli peripezie della scatola arancione. Sotto le sue dita, la scatola arancione si dispone ad infinite metamorfosi, in un universo leggero in cui prevale la giocosità.

Arancione sintomatico

Se oggi l’arancione è di casa sulle scatole della maison, le origini di questa scelta sono tuttavia legate all’imprevedibilità della storia. Durante la Seconda guerra mondiale, le scatole originarie, prima bianco crema con bordino dorato, poi beige con bordino marrone, vennero a mancare.
Al fabbricante di scatole non restava che l’arancione: così, da una necessità, Hermès avrebbe derivato il suo tratto distintivo. Infine, negli anni ’60, nel corso di un pranzo di lavoro, si decide ufficialmente di impiegare questo colore. I tre cugini della generazione emergente, Bertrand Puech, Jean-Louis Dumas e Patrick Guerrand, lo adottano in via definitiva, dopo aver visto numerosi clienti esibire le loro borse tinte di un radioso arancione. Da allora, l’arancione regna sovrano!