Un oggetto e i suoi segreti

A partire dal XVI secolo e nel corso dell’epoca Edo, dall’inizio del XVII al XIX secolo, alcuni mercanti portoghesi importano in Giappone dei calicò indiani. Questi tessuti di cotone siglati da colori vivaci e motivi geometrici si pongono in singolare contrasto con la canapa e il cotone indaco dei tessili giapponesi, e l’infatuazione non tarda a sbocciare. Utilizzati sia per imballare oggetti che per realizzare kimono, i sarasa – il termine deriva dalla parola portoghese che designa il calicò – furono ben presto prodotti da tessitori giapponesi. Essi ne perpetuarono lo stile ornamentale mescolandolo, nel corso del tempo, alla loro ispirazione personale. Aline Honoré ci offre un sontuoso­ kimono composto da un insieme di motivi tratti da queste stoffe.

Potrebbe anche interessarle